Un breve “viaggio” a Las Vegas

Per tutti gli amanti del casino in linea, una piccola gita turistica fra un gioco e l’altro nella splendida e tanto decantata patria di tutti i casino: Las Vegas.
Una gita solamente descrittiva, per la verità, ma che può aiutare a capire qualcosina di più di questa spledida e a volte mitizzata città del Nevada, sulla quale tanto si è detto, anche se non sempre tutto verissimo e sulla quale rimane qualche punto oscuro.

Quello che viene comunemente conosciuto per “Las Vegas” è in effetti costituito da un insieme unità amministrative diverse: la città di Las Vegas propriamente detta, la città di North Las Vegas, la città di Henderson e inoltre una vasta area “unincorporated” (cioè non costituita in città ma sotto la diretta gestione della contea), area che include la “Strip”.

Il gioco d’azzardo legalizzato, la disponibilità di alcolici ad ogni ora del giorno e della notte ed una certa scelta in fatto di spettacoli “per adulti” (non la prostituzione che, nella Contea di Clark, è illegale) hanno procurato a Las Vegas il soprannome di “Sin City”, “Città del peccato”, ma l’amministrazione locale e l’ufficio del turismo preferiscono di gran lunga “The Entertainment Capital of the World”. Nel 1946, Bugsy Siegel aprì il famoso Flamingo Hotel che, se non fu il primo hotel casinò di Las Vegas, molto contribuì alla nascita della leggenda cittadina. Dagli anni trenta del secolo scorso, in definitiva, Las Vegas ha visto uno sviluppo economico costante e privo di grosse crisi. Oggi sta vivendo un vero boom e la sua economia è tra quelle che stanno crescendo di più negli Stati Uniti.

Il clima di Las Vegas non può che risentire dell’ambiente desertico in cui la città è costruita, con precipitazioni scarse ed alte temperature estive. Gli inverni sono freschi e ventosi, con temperature che di giorno raggiungono anche i 20° C e di notte si avvicinano allo zero. Un ottimo motivo per chiudersi in un buon casino a giocare, no?

L’immagine della città è legata al gioco d’azzardo e ai divertimenti, tanto che molti casinò sono collegati con ferrovie a monorotaia oppure con passaggi sotterranei. Non bisogna però trascurare che Las Vegas è anche diventata una sede primaria per congressi e fiere, riuscendo così ad attirare un consistente turismo d’affari.

Altro fattore essenziale è lo shopping. La continua presenza di turisti ha incrementato notevolmente il commercio al dettaglio, al punto che i centri commerciali sono ormai un polo attrattivo a sé stante. Identico discorso può essere fatto per i ristoranti.

Come sede di contea e di un distretto giudiziario federale, Las Vegas è caratterizzata da un gran numero di avvocati ed addetti ai servizi legali in genere.

Una vittà gradevole, quindi, dove andare per una gita culturale e dove vedere le origini della propria passione, ma anche per visitare luoghi nuovi ed interessanti. Se volete giocare al casino, però, il mio consiglio rimane quello di scaricare un buon casino in linea, che permette lo stesso divertimento ed emozioni. Con le vincite si può sempre andare a fare i turisti a Las Vegas…